Le ricette San Lorenzo: Risotto con carciofini sott’olio e prosciutto

Idee e consigli per un risultato a prova di chef
Sei un asso in cucina e ami passare le ore tra forno e fornelli? Hai il fisico da sollevatore di forchette e cerchi nuovi sapori? Vuoi sorprendere amici e famiglia per il fine settimana? Ci pensa il Signor Gourmand, lo chef San Lorenzo che ogni venerdì fornisce consigli, menù e ricette per preparare piatti davvero squisiti e personali, perfetti un weekend in compagnia. Per rompere la routine sui fornelli e scoprire l’Italia dei sapori!

Risotto con carciofini sott’olio e prosciutto
Il risotto è sempre un’eccellente alternativa alla classica pasta, specialmente quando si hanno a pranzo degli ospiti e se sono previste altre portate come secondi particolarmente sostanziosi.

Quello qui proposto è un risotto molto facile e rapido da preparare, ma caratterizzato da un’unione di gusti e profumi intensa e particolare: i carciofi e il prosciutto cotto, che insieme garantiscono un mix di sapori gustosissimo e non così comune.

• Ingredienti:

170 g di riso
230 g di carciofini sott’olio
100 g di prosciutto cotto
1/4 cipolla
4 cucchiai di olio extravergine d’oliva
25 ml di vino bianco
q.b di brodo vegetale
q.b di sale
2 noci di burro

• Procedimento:

– Tritate finemente 1/4 di cipolla bianca e trasferitela in una pentola.

– Aggiungete un mestolino d’acqua e accendete il fuoco a fiamma moderata. Lasciate stufare la cipolla.

– Quando l’acqua sarà stata assorbita completamente aggiungete l’olio extravergine d’oliva e mescolate.

– Fate soffriggere la cipolla. Quando inizierà ad essere dorata, unite il riso e lasciatelo tostare per alcuni minuti.

– Tagliate il prosciutto cotto a dadini, unitelo al riso e alla cipolla, e mescolate.

– Sfumate con il vino bianco e non appena sarà evaporato bagnate il risotto con 3-4 mestoli di brodo vegetale bollente.

– Abbassate la fiamma, mescolate e fate cuocere il risotto per 20-25 minuti circa.

– A metà cottura aggiungete i carciofini sott’olio a spicchi ben sgocciolati e mescolate nuovamente.

– Quando il riso sarà al dente e piuttosto cremoso, togliete la pentola dal fuoco e mantecate il risotto con due noci di burro.

– Mescolate energicamente e versate il risotto nei piatti da portata.

• I consigli del Signor Gourmand

A mio parere il Riso Vialone Nano è insuperabile quando si si tratta di voler preparare dei risotti. Ha un sapore e una consistenza pieni, caratterizzato da cicchi tondeggianti e di grandezza media. Davvero perfetto per questo piatto, specialmente se proveniente da un percorso biologico, come quello proposto da San Lorenzo.

Gli altri ingredienti per questo piatto sono tutti piuttosto facili da reperire, ma c’è un aspetto che non può assolutamente lasciato al caso: mi riferisco ai carciofini. Sbagliare la scelta dei carciofini compromette senza possibilità d’appello la riuscita dell’intero risotto. Per cui propongo due alternative, entrambe dal catalogo San Lorenzo.

Se si preferisce il sapore del carciofo classico, è bene affidarsi a dei carciofini biologici, scottati ancora freschi in acqua e aceto per garantire un gusto autentico e intenso:

Se invece si vuole rendere il piatto ancora più stuzzicante, non c’è niente di meglio dei carciofini nani San LorenzoTenerisaporitissimi, in fase di cottura diventano quasi cremosi. Una prelibatezza rara che renderà felici i vostri ospiti.

Condividi su:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *